Letteratura

Domenica 5 FEBBRAIO ore 17.00
Il principe Ahmed e la fata Pari Banù

Tratto da “Le Mille e una notte” con Eva Gaudenzi e Beatrice Presen

Palazzi principeschi, tappeti volanti, incantesimi, terre lontane, prodigi e magie insuperabili…
Tutto questo e molto altro è “Il principe Ahmed e la fata Pari Banù”, un racconto tratto da una delle favole orientali contenute in “Le Mille e una Notte”. I bambini saranno coinvolti attivamente in un viaggio senza tempo. In scena, le due attrici sfogliano un grande libro incantato e raccontano la storia per mezzo di un burattino che si chiama Maestro Molavì, un piccolo vecchio saggio costruito dalle mani sapienti del regista britannico Giles Smith, mentre le illustrazioni del libro incantato sono di Beatrice Presen

….. a seguire MERENDA
Ingresso a sottoscrizione fino ad esaurimento posti 5 € bambini, 7 € adulti + 1 € tessera adulti nuovi associati

 

Sabato 4 febbraio ore 21.00

LA MOSSA DEL CAVALLO

di e con Serena Damiani e Marco Tullio Dentale.

Teatro, Letture, Musica e un po’ di comicità

La scacchiera, il re, la regina e poi i pedoni, gli alfieri, le torri per raccontare la nostra società. Aperture, mosse, tattiche. Una società dove fingiamo di essere re e regine e siamo solo pedoni.

La fine dello spettacolo sarà accompagnato dal tradizionale piatto di pasta e vino.
Ingresso a contributo € 7 per i soci. Tessera annua Associativa €1

tre eventi da non perdere

 

SABATO 21 GENNAIO  ore 21.00

 “MI HANNO AMMASTATO”

Spettacolo Teatrale con Loris Di Pasquale
Partendo dalla vicenda dell’anarchico Pinelli, attraversando i fatti del G8 di Genova per arrivare a raccontare della morte di Federico Aldrovandi. Coloro che dovrebbero rispettare le leggi e proteggere i cittadini spesso, facendosi scudo dell’uniforme, diventano artefici di illegalità e di gravissimi atti di abuso.
Introduzione a cura di: Simone Pieranni giornalista del Manifesto e di Ilaria Bracaglia

DOMENICA 22 GENNAIO, ore 17,00

Per la Rassegna JuniorMAGO MANCINI  SHOW

di e con Mago Mancini — Produzione Makkekomiko
Alessandro Mancini, in arte Mago Mancini, aspetta tutti i bimbi per proporre uno show comico e magico che miscela Cabaret e Magia.
Ah, e aspetta anche i genitori per fare la magia di farli tornare bambini!
Di sketch in sketch, impercettibilmente diverso uno dall’altro, tutto il pubblico sarà catapultato in un mondo divertente e surreale diventando fin dalle prime battute protagonista e ritrovandosi immerso in un’esplosione di energia, improvvisazione e divertimento. Età consigliata: 5-12 anni.

DOMENICA 22 GENNAIO  Ore 21,00

“RIBELLE E MAI DOMATA”

Spettacolo Teatrale e Musicale a cura di Costanza Calabretta,  in collaborazione con il Circolo Gianni Bosio

Canti e Racconti di una Famiglia Antifascista Romana con la partecipazione :
Matilde D’Accardi
Nicola Sorrenti
Sara Modigliani
Roberta Bartoletti
Massimo Lella
Gabriele Modigliani

Librandia La città di carta

Domenica 15 Gennaio ore 17.00

Ispirato a “La città dei libri sognanti” di Walter Moers
Drammaturgia di Carlotta Piraino
Regia di Lorenzo Montanini
con Carlotta Piraino, Daniel Plat e Mersia Valente
Produzione MaloSpettacolo
Età consigliata: 7-12 anni
I libri sono veramente in grado di far sognare?
Una storia dalle tinte gotiche alla ricerca dell’autore di un prezioso manoscritto, misterioso e sconosciuto, perso nei meandri della città di Librandia, un luogo magico fatto interamente di libri, librerie, locande dove si legge, luogo pullulante di intrattenimenti letterari, spettacoli e concerti, in cui l’unica (e pericolosa) attività è quella di fare o commerciare arte.
Un’avventura avvincente e grottesca dove il “libro” è il protagonista assoluto.
Una storia per raccontare ai ragazzi il valore dell’arte e dove leggere diventa un’esperienza sconquassante e potente!
Tra cultura pop e tradizione classica, Librandia è un racconto sul lato oscuro e magico della letteratura.

….. a seguire MERENDA

Ingresso a sottoscrizione fino ad esaurimento posti 5 € bambini, 7 € adulti + 1 € tessera adulti nuovi associati

GOLDEN HE

Sabato 10 Dicembre ore 21,00

Drammaturgia e Regia : Carlotta Piraino
Con : Carlotta Piraino e Fabrizio Bordignon
Video: Marco Rizzariimmagine

Due atlete tedesche aspettano di gareggiare per la Germania durante le
Olimpiadi di Berlino del 1936. Condividono la stessa stanza. Una è ebrea, l’altra è
un uomo. La Germania costretta dalle pressioni internazionali, deve far
partecipare gli atleti ebrei se vuole ospitare le Olimpiadi. La Germania, che vuole
dimostrare di essere la Nazione più forte, deve fare in modo che i suoi atleti
vincano il maggior numero di medaglie d’oro. Così mette un’ebrea tra gli ariani e un
uomo tra le donne.

La fine dello spettacolo sarà accompagnato dal tradizionale piatto di pasta e vino.
Ingresso a contributo € 7 per i soci. Tessera annua Associativa €1

Giampiero Mazzone

giampiero-mazzone-fotoSABATO 3 dicembre ORE 21.00

Gianni Cilia (Chitarra) — Leonardo Mattiello (Basso) — Giulio Porega (Percussioni) Tony Brunetti (Tastiere, Fisarmonica)

Il cantautore già vincitore del Premio Città di Recanati e Premio Fabrizio De André torna con un sorprendente lavoro discografico Cent’anni  è il titolo di un progetto musicale che comprende 10 brani scritti nell’arco di molti anni che ben disegnano il suo percorso artistico, umano e culturale, in un’evoluzione stilistica sempre protesa alla ricerca di sonorità diverse rispetto alle esperienze precedenti

 

La fine dello spettacolo sarà accompagnato dal tradizionale piatto di pasta e vino.
Ingresso a contributo € 7 per i soci. Tessera annua Associativa €1

Per la Rassegna Teatrale “L’uomo dei Finali”

Sabato 7 Maggio ore 21.00

uomo-dei-Finali01 (FILEminimizer)

 

“…ogni volta che me so messo in testa de racconta’ sta storia, me so’ sempre chiesto come se comincia…” Vincitore del primo premio teatro biblioteche di Roma “L’UOMO DEI FINALI” di Francesco Rizzo, interpretato da Sandro Calabrese è un monologo che cerca di raccontare una storia difficile da iniziare, perché appunto quando la si vuole raccontare non si sa mai da dove cominciare e allora bisogna cercare di dire tutto senza tralasciare nulla, nemmeno una virgola perché tutte le parole sono importanti e meritano di essere pronunciate e ricordate. Ma è difficile trovare anche una fine a questa storia perché spesso c’è una trama, ci sono dei personaggi, ma manca proprio un finale un bel finale “…un finale coi fiocchi, uno de quei finali che fanno mette a piagne tutti, pure li sassi”. E allora c’è bisogno di trovare anche qualcuno che sappia chiuderle queste storie, perché se è difficile dargli un buon inizio è ancora più difficile dare a loro un buon finale

 

La fine dello spettacolo sarà accompagnato dal tradizionale piatto di pasta e vino.
Ingresso a contributo € 7 per i soci. Tessera annua Associativa €1

Concerto Poetico Teatrale SignorNò″

Venerdì 22 aprile ore 21.00

signor-no02 (FILEminimizer)Concerto poetico teatrale tratto dall’omonimo libro ‘SignorNo’ poesie, scritti e testimonianse contro la guerra a cura di Marco Cinque e Phil Rushton, oltre ad essere un libro che raccoglie le voci di chi la guerra l’ha conosciuta in prima persona, quindi povero di retorica, SignorNò è anche un progetto multimediale che si propone nel vivo del tessuto sociale, in particolare negli istituti scolastici. Già presentato in forma di concerto poetico ai festival internazionali di poesia di Genova e Sassari.
Ingresso a contributo € 7 per i soci. Tessera annua Associativa €1

Sabato 16 Aprile

ore 19.00 — Stesi dalla Tesi “Rivaluta la tua tesi di Laurea”

ore 21.00 — Finissage Arte Condivisa “Racconta il Tuo Quartiere” e Spettacolo “Centocelle in 500”

Locandina STESI DALLE TESI aprile 2016 (FILEminimizer)“STESI DALLE TESI” è un innovativo format di intrattenimento itinerante dal vivo incentrato sulla riproposizione e rivalutazione delle tesi di laurea, intese come originale prodotto culturale da far rivivere e divulgare in maniera attraente, coinvolgente e divertente.

Una proposta all’insegna di un’atmosfera molto colloquiale e distesa scambiandoci saperi storie e passioni, per affermare che la cultura è tale soltanto quando viene divulgata e condivisa.

Non si tratta infatti di ridiscutere in modo serio la propria tesi, bensì di presentarla in maniera sintetica a braccio (senza il supporto di slide) e farne oggetto di conversazione con i tutti i presenti per mettere il proprio sapere a conoscenza e disposizione degli altri.

 a seguire ore 21.00:

centocelle_in_500 al CCP“CENTOCELLE IN 500” uno spettacolo ArteKreativa di e con Serena Damiani e Marco Tullio Dentale

Un quartiere di Roma per raccontare la storia di una generazione,  un sogno, una società.
Anni Sessanta e Settanta, colorati e rivoluzionari,  visti dagli occhi di chi a Centocelle voleva gridare tutta la propria voglia di esserci.
Le storie si muovono su una cinquecento senza benzina o lungo il corteo di una manifestazione, a fianco ad un juke box o nell’arena per i film. 

Una narrazione leggera ed ironica per raccontare uno dei periodi più intensi della nostra cultura.

I testi letti sono originali o ispirati al libro “Città di parole” di A. Portelli.

Ogni volta che presentiamo questo spettacolo c’è prima il nostro poi quello … del pubblico, che racconta, ricorda, commenta, chiede, in un vero e proprio scambio generazionale.

Quello che la Storia non Racconta

Sabato 9 aprile ore 21.00

Di Alessandro Parente con Il Giardino della Pietra Fiorita

parente01 (FILEminimizer)ll maestro Alessandro Parente torna sulla linea Gustav per il concerto “Quello che la storia non racconta” l’ensemble di organetti, ruota attorno alle vicende di Coreno Ausonio e di altri piccoli paesi, che, con i loro abitanti, durante la Seconda Guerra mondiale si vennero a trovare esattamente sulla Linea Gustav, la linea difensiva che i tedeschi avevano creato a Cassino per contrastare l’avanzata delle forze alleate. Frammenti diversi di tante piccole storie sconosciute, attraverso un complesso gioco di incastri, si ricompongono in un quadro dal respiro più ampio e generale che narra della guerra e delle sue atrocità. Come nel celebre romanzo di Elsa Morante, La Storia, la scelta di parlare di piccole cose, di quotidianità nella guerra, di esperienze e testimonianze dirette serve a dare voce soprattutto a quelli che in genere la guerra non la vogliono, ma la subiscono o la vivono loro malgrado

 

 

ORGANETTI:
Laerte Scotti (solista);
Giulia Urgera, Maria Del Mar Ragucci, Francesco Berrafato, Natasha Miorelli, Clara Maiolati, Filippo Ruggero, Anna Cisternino, Renato Musante, Axel Joachim;
canto: Valentina Muià;
voce recitante: Anna Cisternino;
percussioni: Antonello Iannotta;
danza e coreografia: Daniela Evangelista

La fine dello spettacolo sarà accompagnato dal tradizionale piatto di pasta e vino.
Ingresso a contributo € 7 per i soci. Tessera annua Associativa €1